Recensione ” Wool ” di Hugh Howey

_wool-1382539854Trama: In un futuro apocalittico, in un paesaggio devastato e tossico, una comunità sopravvive in una gigantesca città sotterranea. Lì, uomini e donne vivono rinchiusi in una società piena di regole che dovrebbero servire a proteggerli. Lo sceriffo Holston, che ha fermamente sostenuto le leggi della città per anni, rompe inaspettatamente il più grande di tutti tabù: chiede di andare fuori, incontro alla morte. La sua fatidica decisione scatena una serie di terribili eventi. A sostituirlo è nominato un candidato improbabile: Juliette, un tecnico che niente sa di politica, perché fino a quel momento si è occupata solo di far funzionare i complicati ingranaggi di quel fragile mondo. Ora che a Juliette è affidata la sicurezza, imparerà presto a sue spese quanto quel mondo è malato. Perché la città è in procinto di affrontare ciò che la storia ha lasciato solo intendere e che i suoi abitanti non hanno mai avuto il coraggio di sussurrare. Rivolta.

Cosa ne penso io …

Ho scoperto questo primo volume della ” Trilogia del Silo ” ascoltandone la recensione di Angela Cannucciari ( trovate il link al suo canale youtube qui ) che mi aveva colpito molto ed entusiasmata parecchio; così ho inserito il primo volume nella mia lunghissima WL e, appena ne ho avuta la possibilità, l’ho letto in formato ebook.

Devo ammettere che la trama non è una novità, il solito futuro apocalittico in cui gli uomini sono costretti alla vita all’interno dei Silos sottoterra, ma, lo stile di scrittura, i continui colpi di scena che non vi lasciano prendere respiro, il ritmo veloce e la curiosità di saperne di più, rendono questo primo volume accattivante e piacevole da leggere. Senza farvi spoiler, nelle prime 25 pagine già vengono rimescolate le carte in tavola spiazzandovi e incuriosendovi. E’ una storia intrisa di segreti e bugie, cose non dette per generazioni ed eventi nascosti e cancellati dalla memoria collettiva dei server; le conoscenze importanti sono, come al solito, appannaggio di pochi che si arrogano il diritto di decidere per tutti cosa sia meglio dire o tacere. La nostra protagonista Juliette si troverà difronte alla verità come mai nessuno prima di lei e non sarà più disposta a scendere a compromessi…” la gente deve sapere. Un pò troppo costruita in alcune parti e apparentemente poco empatica; diciamo che sono ben altri i personaggi a cui mi sono affezionata ma confido nei volumi successivi 😉

E’ un libro che si fa leggere ma che, ai non neofiti del genere, presenta poche idee innovative di trama tant’è che spesso, durante la lettura, si potevano anticipare alcune scelte dello scrittore rendendo così abbastanza prevedibile il tutto eccetto che in alcune parti che non vi posso svelare.

I personaggi sono molti e ben caratterizzati, i luoghi vengono descritti quanto basta per immaginarsi l’ambiente senza cadere nel prolisso e gli intrecci sono un continuo divenire di avvicendamenti a volte, a mio parere, troppo forzati.

Rimane comunque un primo volume interessante, una bella lettura leggera ed estiva che merita una possibilità; sarete sicuramente incuriositi nel sapere come andrà a finire e difficilmente riuscirete a staccarvi dalle pagine che scorrono veloci come il vento. Leggerò sicuramente il secondo volume che si intitola Shift  e il terzo volume Dust.

Buona Lettura 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...