Reading Challenge #onebookamonth – Marzo ” Le Sette Sorelle “

lesettesorellePer la Reading Challenge #onebookamonth del mese di marzo, la filastrocca recita ” Marzo ci porta la primavera : un libro che da copertina o contenuto ricordi la primavera ” così ho deciso di iniziare una nuova saga che credo consti di sette libri. Dico ” credo ” perchè l’autrice, fino ad ora ne ha publicati solo tre e dal titolo si può intuire che possa arrivare a sette 🙂 Sto parlando de   ” Le Sette Sorelle  ” di Lucinda Riley.

Trama: Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata della governante. Pa’ Salt è morto. Quel padre generoso e carismatico, che le ha adottate da bambine raccogliendole da ogni angolo del mondo e dando a ciascuna il nome di una stella, era un uomo di cui nessuno, nemmeno il suo avvocato e amico di sempre, conosceva il passato. Rientrate precipitosamente nella villa, le sorelle scoprono il singolare testamento: una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. Maia sarà la prima a volerle decifrare e a trovare il coraggio di partire alla ricerca delle sue origini. Un viaggio che la porterà nel cuore pulsante di Rio de Janeiro, dove un vecchio plico di lettere le farà rivivere l’emozionante storia della sua antenata Izabela, di cui ha ereditato l’incantevole bellezza. Con l’aiuto dell’affascinante scrittore Floriano, Maia riporterà alla luce il segreto di un amore sbocciato nella Parigi bohémienne degli anni ’20, inestricabilmente legato alla costruzione della statua del Cristo che torreggia maestosa su Rio. Una vicenda destinata a stravolgere la vita di Maia.

Mi sono avvicinata a questo libro senza aspettative particolari e senza aver nè letto, nè visto alcuna recensione in merito; mi ci sono approcciata con l’idea che, essendo sicuramente una saga composta di molti volumi, nel caso in cui il primo libro non mi fosse piaciuto, lo avrei semplicemente messo da parte. Ma, con mia enorme sorpresa, questa storia mi ha rapita letteralmente prendendomi per mano e portandomi in viaggio tra Ginevra, Parigi e Rio, facendomi sobbalzare spesso e volentieri e facendomi fare dei viaggi nel tempo per poi tornare a quello odierno con la sensazione che spesso le nostre vite siano collegate ai nostri antenati più di quanto noi non vogliamo ammettere.

Lo stile di Lucinda Riley è scorrevole e accattivante, si viene subito rapiti dal suo ritmo e dalle immagini che sa evocare in modo così sapiente da dimenticare che stiamo leggendo delle semplici parole. Già dalle prime pagine ci troviamo di fronte ad un enigma di non poco conto che ci catturerà senza riserve spingendoci sempre più in là nella lettura desiderosi e bisognosi di sapere come si snoderà la storia con le sue numerose curve e giri di rotta.

Abbiamo la storia di un uomo, Pa’ Salt, di cui non conosciamo assolutamente nulla, che decide di adottare 6 bambine da sei diverse parti del mondo senza apparente collegamento; abbiamo 6 sorelle che non conoscono nè il loro passato, nè quello del loro padre adottivo; abbiamo sei storie totalmente differenti e uniche di fronte ad un titolo che enuncia ” Le sette sorelle “. Dove è finita dunque la settima sorella ? Misteri e storie si snodano davanti agli occhi del lettore e a noi non rimane che abbandonarci a questa meravigliosa avventura. Ogni libro affronta la storia di una delle sorelle e dispiega, piano piano, il mistero di questo uomo la cui vita appare avvolta nella più fitta delle incognite.

Anche se questo primo libro appare auto-conclusivo sulla storia della primogenita Maia, il capito finale si affaccia con un colpo di scena della seconda figlia, Ally, con una piroetta stilistica davvero mozzafiato.

Come avete intuito, l’ho davvero molto amato questo primo volume… la sensazione che mi ha lasciato al termine della lettura è stata così intima e così profonda che mi sono sentita parte di questa storia familiare proprio come se l’avessi vissuta in prima persona. Le lettere utilizzate per raccontare il passato, intervallate da capitoli narranti il presente, rendono il tutto molto realistico e affascinante. Un gran primo volume che mi fa sperare in una grande saga 😉

Consiglio caldamente questa lettura, non ne rimmarrete delusi 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...